Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.

La buona giornata

La Mamma!

 

Il Vangelo del giorno a cura di don Vittorio Marelli

don Vittorio Marelli, sacerdote della Parrocchia dell’Annunciazione a Milano Affori:

Riflessioni al Vangelo del giorno secondo la liturgia ambrosiana

 

 

 

Venerdì 21/07/2017

Vangelo - (Lc 9,23-27)

 

Il Signore Gesù, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso? Chi si vergognerà di me e delle mie parole, di lui si vergognerà il Figlio dell’uomo quando verrà nella gloria sua e del Padre e degli angeli santi. In verità io vi dico: vi sono alcuni, qui presenti, che non morranno prima di aver visto il regno di Dio».

Riflessioni

Parole molto radicali quelle che ci consegna quest’oggi Gesù, ricordandoci che la fede non è solo conoscere Gesù (la risposta che Pietro ieri ha dato: Tu sei il Cristo di Dio) ma seguirlo (...e mi segua).
Seguire Gesù vuol dire spostare il centro della propria vita dalla logica dell’egoismo alla logica del dono.
È questo il senso anche del prendere la croce e del rinnegare se stessi.
Gesù propone a chi lo segue un progetto alla rovescia: la vita si salva donandosi.
Salvare la vita e perderla pone a confronto, dunque, ed è qui la radicalità delle parole di Gesù, l’egoismo e l’amore. Se conservi gelosamente per te la tua esistenza, ti sembra di salvarla ma la perdi.
Se vivi la tua esistenza come un dono ricevuto e ridonato, ti sembra di perderla ma – in realtà – la ritrovi piena di senso.
Gesù, con la sua vita, ci ha mostrato che Dio Padre si manifesta nel dono, nel donarsi.
E l’uomo, creato ad immagine di Dio, è chiamato a custodire e a “dar vita” a questa immagine.
Iniziamo questa giornata con questo desiderio e con la gioia nel cuore di chi sa che, in questi primi istanti del nuovo giorno, è già stato ricolmato di doni dall’amore di Dio: la vita, la famiglia, la fede, la Parola...

 

Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.