Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.

Radio Mater

«AIUTATEMI IN QUESTO COMPITO. RISCOPRIAMO INSIEME LA GIOIA DI UNA CHIESA SEMPLICE E LIETA»

  • In home
  • 09/07/2017

Mons. Mario Enrico Delpini Nuovo Arcivescovo di Milano

«AIUTATEMI IN QUESTO COMPITO.
RISCOPRIAMO INSIEME LA GIOIA
DI UNA CHIESA SEMPLICE E LIETA»

Venerdì 7 luglio 2017, alle 12:00, nella cappella Arcivescovile, davanti alla Curia, il cardinale Angelo Scola, ha annunciato che mons. Mario Delpini, già vicario generale della Diocesi di Milano, è stato nominato da Papa Francesco nuovo Arcivescovo di Milano. L’annuncio è stato accolto da un lungo e caloroso applauso.

Mons. Mario Delpini sarà il 144esimo arcivescovo ambrosiano. Il suo motto è Plena est terra gloria eius.

«I nostri rapporti sono stati pressoché quotidiani e segnati da grande franchezza – ha sottolineato nel suo intervento il cardinale Angelo Scola, che scelse Delpini come vicario generale nel 2012 -. Abbiamo sempre preso insieme le decisioni dopo accurato confronto. Sono convinto che il Santo Padre, con la nomina di S. E. Mario Delpini, ha fatto un grande dono alla Chiesa di Milano e a tutte le donne e gli uomini che abitano le nostre terre. Di questo dono siamo particolarmente grati a Dio e al Santo Padre».

Ripercorrendo i suoi sei anni alla guida della Diocesi, il cardinale Scola ha detto di «aver avuto la fortuna di arrivare a Milano nel momento in cui la città ha ritrovato un ritmo nuovo, uno slancio nuovo, ha preso coscienza di essere una metropoli europea. Ma questo non è ancora tutto. Occorre trovare ancora una completezza di senso».

«Mi serve l’aiuto di tutti. Governerò con il Consiglio episcopale»

«Vivo questo momento con un’acuta percezione della mia inadeguatezza per il ministero al quale mi ha chiamato Papa Francesco – ha confessato mons. Delpini -. Sono immensamente grato a Papa Francesco per questo segno di fiducia, ma questo non toglie che avverto tutta la sproporzione tra il compito al quale sono chiamato e quello che io sono».

 

Per «orientare il cammino di un popolo tanto numeroso e talora preso da dubbi» il nuovo Arcivescovo ha chiesto quindi di essere «accompagnato da molta preghiera e da quella testimonianza di santità operosa tanto presente nel popolo ambrosiano» e di essere sostenuto con il confronto, il consiglio, l’insegnamento «di tanti maestri di teologia e di ogni altro sapere che rendono così significative le istituzioni accademiche e i centri di cultura di cui Milano può vantarsi». Per il governo della Diocesi, inoltre, ha chiesto l’aiuto del Consiglio episcopale milanese che si è riunito nel pomeriggio.

«A Milano nessuno si senta straniero»

«La città metropolitana e la Diocesi devono interrogarsi su quale volto vorranno avere nel futuro: bisogna che io per primo e tutti gli altri impariamo ad ascoltare anche quelli che parlano lingue differenti e difficili da capire, perché nessuno si senta straniero e discriminato», ha detto.

«La città metropolitana e la Diocesi devono interrogarsi su quale volto vorranno avere nel futuro: bisogna che io per primo e tutti gli altri impariamo ad ascoltare anche quelli che parlano lingue differenti e difficili da capire, perché nessuno si senta straniero e discriminato», ha detto.

«Sarei contento se lo Spirito Santo incrementasse la gioia dei milanesi»

 

Rispondendo alle domande dei giornalisti, mons. Delpini ha detto: «La prima cosa che chiederò allo Spirito Santo è il dono della gioia. Papa Francesco, venendo a Milano ha ribadito che con il Vangelo viene la gioia. Sarei contento se lo Spirito Santo incrementasse la gioia di noi milanesi che siamo bravi, intelligenti, ma sempre un po’ scontenti, lamentosi».

Alla domanda se si trasferirà dalla casa del clero dove attualmente risiede nell’appartamento del Palazzo arcivescovile, Delpini ha risposto: «Per ora nel Palazzo ci abita Scola e non ho nessuna intenzione di affrettare il suo trasloco. Poi ci penserò. È vero come ha detto il Cardinale nell’elogio che vivo in estrema povertà ma non è che sto sotto un ponte», ha chiosato con una battuta.

Sulle scelte future per la Diocesi, Delpini ha sottolineato che «Papa Francesco, scegliendo il vicario generale, vuole indicare una continuità con il magistero del cardinale Scola. Penso che dovremo continuare sulla strada segnata dai vescovi che hanno guidato questa Chiesa», ha dichiarato ricordando Martini, Tettamanzi e Scola.

«Costruiamo il dialogo sulla fiducia di un Dio che ci ama»

Come primo messaggio alla città mons. Delpini ha evidenziato: «Il Papa è venuto alla Case Bianche come un sacerdote e quindi il messaggio che voglio dare sarà quello di un prete che considera irrinunciabile per la vita il rapporto con Dio. Sulla fiducia che esiste un Dio che ci ama si può costruire il dialogo con gli altri, anche in una città tanto secolarizzata e rispettosa della laicità come Milano».

Il cardinale Angelo Scola da oggi è stato nominato da Papa Francesco Amministratore apostolico fino al 9 settembre, quando mons. Delpini prenderà possesso della sede milanese da nuovo arcivescovo.

Domenica 9 luglio la comunità cristiana è invitata a pregare per l’Arcivescovo uscente e per il nuovo Arcivescovo, inserendo tra le preghiere dei fedeli due testi particolari.

Il prossimo 8 settembre, festa di Santa Maria Nascente, alle 21.00 il cardinale Scola celebrerà la Messa in Duomo.

L’ingresso ufficiale del nuovo Arcivescovo avverrà il 24 settembre.

Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.