Radio Mater

Francesco: sia il 2021 un anno di fraterna solidarietà e di pace per tutti

  • In home
  • 03/01/2021

E' dedicato a Maria Madre di Dio il primo giorno dell'anno ed è a lei che si affidano le preghiere e le speranze di pace per il mondo in questo 2021 che si apre. Nella ricorrenza della Giornata mondiale della Pace, Papa Francesco ribadisce all'Angelus che questo "bene supremo" è un dono di Dio e si costruisce con l'attenzione agli altri e attraverso il dialogo e la cooperazione tra i popoli

 

Francesco: sia il 2021 un anno di fraterna
solidarietà e di pace per tutti

 

All’inizio di ogni nuovo anno la Chiesa festeggia Maria Santissima Madre di Dio. E’, dunque, sotto il suo sguardo materno, dice il Papa all’Angelus di questo 1.mo gennaio 2021, pronunciato dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico, che tutti noi riprendiamo “il cammino lungo i sentieri del tempo, affidando le nostre angosce e i nostri tormenti a Colei che tutto può”. Se guardiamo il presepe, aggiunge Francesco, indicando quello accanto a lui, "vediamo che Gesù non c’è sulla culla, e mi hanno detto che la Madonna ha detto: 'Ma, me lo fate tenere un po’ in braccio questo figlio mio?'. La Madonna fa così anche con noi, continua il Papa, ci vuole tenere tra le braccia "per custodirci come ha custodito e amato il suo Figlio". Il Papa, riprendendo quindi il testo preparato, afferma:

Lo sguardo rassicurante e consolante della Vergine Santa è un incoraggiamento a far sì che questo tempo, donatoci dal Signore, sia speso per la nostra crescita umana e spirituale, sia tempo per appianare gli odi e le divisioni, che sono tante, sia tempo per sentirci tutti più fratelli, sia tempo di costruire e non di distruggere, prendendoci cura gli uni degli altri e del creato. Un tempo per far crescere, un tempo di pace.

La cultura della cura come percorso di pace

Oggi si celebra anche la Giornata Mondiale della Pace e Francesco ricorda che il tema è la cura del prossimo e del creato come via alla pace. Osserva che le sofferenze patite dall’umanità nell’anno appena terminato, in particolare la pandemia, sono l’evidenza di quanto sia necessario interessarsi gli uni degli altri. E prosegue:

Questo atteggiamento rappresenta la strada che conduce alla pace, perché favorisce la costruzione di una società fondata su rapporti di fratellanza. Ciascuno di noi, uomini e donne di questo tempo, è chiamato a realizzare la pace, ognuno di noi, non siamo indifferenti a questo. Noi siamo tutti chiamati a realizzare la pace e a realizzarla ogni giorno e in ogni ambiente di vita, tendendo la mano al fratello che ha bisogno di una parola di conforto, di un gesto di tenerezza, di un aiuto solidale. E questo è per noi un compito dato da Dio.

La pace è vita ricca di senso per tutti

Potremo costruire la pace, sottolinea Papa Francesco, se l’avremo dentro di noi e con chi ci sta vicino, soprattutto prendendoci cura di chi si trova nel bisogno. E’ una nuova cultura quella che deve crescere per “sconfiggere l’indifferenza, sconfiggere lo scarto e la rivalità, che purtroppo prevalgono”.

La pace non è solo assenza di guerra, la pace mai è asettica, no. La pace è nella vita: non è solo assenza di guerra, ma è vita ricca di senso, impostata e vissuta nella realizzazione personale e nella condivisione fraterna con gli altri. Allora quella pace tanto sospirata e sempre messa in pericolo dalla violenza, dall’egoismo e dalla malvagità, diventa possibile e realizzabile se io la prendo come compito datomi da Dio.

Gli auguri di Papa Francesco

Ed è a Maria, Madre del ‘Principe della pace’ che il Papa si rivolge perché ci ottenga da Dio il dono della pace, dono che va chiesto nella preghiera, sostenuto con il dialogo e con azioni che rispettino le esigenze della verità e della giustizia e le legittime aspirazioni dei singoli e dei popoli. Papa Francesco conclude, quindi, con l’auspicio che dovunque regni la pace nei cuori, nelle famiglie, nel lavoro, nelle Nazioni. E' la pace, ripete il Papa, ciò di cui abbiamo bisogno, oggi che la vita "è sistemata dalle guerre, dalle inimicizie, da tante cose che distruggono… vogliamo pace. E questo è un dono".

Sulla soglia di questo inizio, a tutti rivolgo il mio cordiale augurio di un felice e sereno 2021. Ognuno di noi cerchi che sia un anno di fraterna solidarietà e di pace per tutti; un anno carico di fiduciosa attesa e di speranze, che affidiamo alla protezione di Maria, madre di Dio e madre nostra.

ASCOLTIAMO L’ANGELUS DEL SANTO PADRE
https://www.youtube.com/watch?v=moJKyimQrmQ&feature=youtu.be