Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.

Radio Mater

Don Mario: “Grazie Signore, mi hai fatto fare molto ma io attribuisco tutto a Te”

  • In home
  • 07/05/2018

Registrazione del 03/05/2018

Premiazione del Consiglio Comunale di Albavilla

 

L’Amministrazione Comunale di Albavilla ha consegnato a Don Mario una targa in riconoscimento per il bene compiuto e in occasione dei suoi 65 anni di sacerdozio

Don Mario: “Grazie Signore, mi hai fatto fare molto
 ma io attribuisco tutto a Te”

La Sindaca: Tutte le realtà di Albavilla che diamo per scontate: l’oratorio, il cineteatro, la squadra di basket…. tutte hanno dietro Don Mario!”.

Albavilla 03 Maggio 2018: sono esattamente le 20.17, lo so perché è l’orario indicato nella foto che, all’apparenza, potrebbe essere ritenuta come la meno significativa di tutta la serata. Si è appena aperta la porta della sala del Consiglio del Comune di Albavilla, un piccolo uomo curvo dall’età ma col sorriso di un giovane pieno di entusiasmo entra accompagnato da alcuni volontari.

Un misto di stupore e gioia si legge improvvisamente sul suo viso quando lo sguardo di questo piccolo grande uomo incontra uno ad uno gli sguardi degli altri volontari che lo attendono nella sala. È il mio turno, il suo sguardo incontra il mio e, anche nei miei confronti stupore e gioia. È una questione di secondi ma mi domando il perché di questo suo meravigliarsi. Possibile che, nel giorno in cui ufficialmente riceverà un riconoscimento in occasione dei 65 anni di ordinazione sacerdotale per quanto fatto in questi anni ad Albavilla, quest’uomo straordinario non si aspettasse che fossero presenti volontari e conduttori che ogni giorno condividono con lui il progetto di Maria? La risposta alla mia domanda sarà molto semplice: Don Mario è così! Un uomo che sa bene quanto sia importante affidarsi al Cielo; solo facendo così sarà possibile vedere l’ordinario trasformarsi in straordinario.

Ormai tutto è pronto per la consegna del riconoscimento, prende la parola Giuliana Castelnuovo, sindaca di Albavilla, che ha già avuto modo di conoscere in altre occasioni Don Mario e infatti parla di “un evento eccezionale” quello che rappresenta questa serata. “Sarebbe doveroso dire ogni giorno grazie” sono le esatte parole che la sindaca utilizzerà, mentre don Mario segue e ascolta tutto con grande attenzione e con la semplicità di chi forse pare non rendersi conto di quanto ha costruito. “Tutte le realtà di Albavilla che diamo per scontate: l’oratorio, il cineteatro, la squadra di basket…. tutte hanno dietro Don Mario!”. L’entusiasmo, la gioia, la fede hanno portato questo sacerdote a fare “cose concrete” per gli altri, perché “Don Mario è tutto al servizio degli altri”.

Ora è il turno del Presidente del Consiglio Comunale che racconta tutta la vita di Don Mario: la vocazione, la pallacanestro, l’amore per la musica fino alla fondazione di ben due radio con un modo nuovo di fare radio. Se prima la radio era “io parlo, tu ascolti” ora c’è interazione tra conduttore e ascoltatore, nasce una sintonia, oltre a considerare l’importanza della preghiera notturna in diretta dalle 2 alle 6.

Con la solita simpatia, al termine della lettura della sua storia, il don non manca di ammettere che gli “è passata tutta la vita davanti” ma, con l’umiltà che da sempre lo contraddistingue, cita il Salmo 114 “non a noi, Signore, non a noi, ma al tuo nome dà gloria” e ribadisce di non aver alcun merito per quanto realizzato: “Grazie Signore, mi hai fatto fare molto ma io attribuisco tutto a Te e sento gioia per tutto quanto fatto con il Comune”.

Nell’ultima esortazione apostolica “Gaudete et exsultate” Papa Francesco ci invita alla santità possibile in ogni ambiente di vita e Don Mario ricorda che: “la vita è missione di fare il bene, viviamola bene tutti questa vita”.

La consegna della targa celebrativa è solo la conferma dell’uomo che abbiamo di fronte a noi: è lui che si alza avvicinandosi alla sindaca per stringerle la mano e non il contrario come vorrebbe l’etichetta. E’ presente anche un gruppo folkloristico di Albavilla, “I contadini della Brianza” con il presidente Dionigi Garofoli, che ha preparato una sorpresa per don Mario: da questo gruppo si stacca una donna di 88 anni come don Mario, che è pronta a raccontare una poesia porgendo idealmente il fiore più bello il cui nome è “riconoscenza”.

La serata volge ormai alla conclusione e il nostro caro don Mario ringrazia con una promessa: “Cercherò di essere più prete!” e, incrociando ad uno uno lo sguardo di tutti parla direttamente al cuore di ognuno: “Termino con un augurio: qualunque sia la realtà di vita, formiamo una bella famiglia per essere poi tutti trapiantati un giorno in Cielo!”.

Don Mario ha poi ringraziato singolarmente i componenti del Consiglio comunale: la sindaca Castelnuovo, l’assessore ai Servizi Sociali Angela Bartesaghi, che con la sindaca ha voluto fortemente la manifestazione, gli altri assessori, il presidente Carlo Panzeri, il capogruppo nonché presidente del Consiglio Regionale e già sindaco di Albavilla, Alessandro Fermi, e tutti i consiglieri, ma anche l’Associazione Carabinieri in congedo, gli ex atleti della Pallacanestro e i Contadini della Brianza.

Un ringraziamento fraterno don Mario lo ha riservato al parroco di Albavilla, don Paolo Vesentini, presente a nome della Comunità parrocchiale. La serata non poteva terminare senza la musica e la sorpresa del gruppo folkloristico è “Madonna nera” dedicata a tutta Radio Mater. Prima di ritirarsi, Don Mario saluta anche i volontari che hanno voluto stringersi a lui per questo bellissimo traguardo, in rappresentanza di tutti coloro che da casa hanno seguito in diretta la cronaca della cerimonia, ma soprattutto perché “Sarebbe doveroso dire ogni giorno grazie”! E d’ora in poi, lo faremo. Grazie caro Don… per ogni giorno.

Gianluca

 

Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.