Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.

Radio Mater

Il nostro carissimo conduttore Giovanni Marelli è tornato alla Casa del Padre.

  • In home
  • 02/08/2018

Il nostro carissimo conduttore Giovanni Marelli
è tornato alla Casa del Padre.

Il nostro carissimo conduttore Giovanni Marelli conosciuto da tutti come Giovanni "della lirica" è tornato alla Casa del Padre. Amava veramente Radio Mater e don Mario con il quale ha sempre collaborato fedelmente. 
I funerali si svolti nella chiesa prepositurale di Erba martedì 31 Luglio 2018, alle 16.30 nella chiesa Prepositura e sono stati trasmessi in diretta su Radio Mater. La sepoltura è stata nel Cimitero Maggiore ad Erba.

 
 

Giovanni aveva 88 anni. Lascia tre figli: Stefano, Ornella e Ilaria, e quattro amati nipoti. Noi di Radio Mater lo conosciamo per le trasmissioni che conduceva in radio sulla lirica. Lo conosciamo solo per questo e non sapevamo che dietro alla sua passione per la musica lirica c’era anche un imprenditore, uno stampatore di metalli a caldo, c’era anche un consigliere comunale e assessore di Erba, c’era anche il fondatore della scuola professionale di Erba, l’attuale “Briantea”, c’era anche il vice presidente, pensate dal lontano 1957, dell’Avis di Erba, c’era anche un operatore fattivo della Caritas di Erba, e c’era anche l’amico fraterno di don Mario. Tra don Mario e Giovanni c’è sempre stata sintonia e amicizia, dagli anni di fondazione di Radio Maria poi alla fondazione di Radio Mater, e fino a ieri quando è salito al Cielo. 
Chi c’era in Cappellina il 30 giugno scorso, era il sabato del Triduo in preparazione alla festa per i 65anni di messa di don Mario che si è svolta il 1 luglio, si ricorderà come Giovanni abbia partecipato alla messa e poi si è rivolto a tutti e in particolare a don Mario, con parole che hanno commosso tutta l’assemblea: “Il 30 giugno di 30 anni fa – disse - moriva la mia cara moglie Pinuccia. Voglio andare da lei. Sento che è arrivato il mio momento. Don Mario voglio una sua benedizione per iniziare il cammino che mi porterà ad abbracciare la mia Pinuccia”. Ed è morto esattamente un mese dopo: il 30 luglio.

Puoi sostenere Radio Mater tramite il 5 per mille o un'offerta volontaria.